Vitellaria Paradoxa: per gli amici…“Albero del burro di KARITÉ” p.1

Laura Bellagamba, Founder of GHES Estetica Naturale

Vitellaria Paradoxa

FAMIGLIA: Sapotaceae


L’albero della Vitellaria Paradoxa è un albero, che cresce spontaneo in Africa, molto longevo e somiglia, nell’aspetto, al nostro albero di quercia. Può raggiungere i quindici metri di altezza e un metro di diametro. Il burro si ricava dai semi. La lavorazione viene fatta dalle donne che, da giugno a settembre, raccolgono, schiacciano, mescolano, cucinano e lavorano i frutti. Impiegano circa 20 ore di lento procedimento per ottenere 1 kg di karité. Si raccolgono solo i frutti caduti dall’albero perché più maturi e pronti per essere manipolati e lavorati.


In antichità già la regina Cleopatra usava questo magnifico burro che le assicurava pelle morbida, ben protetta dal sole, nutrita e splendente. Solo nel XVIII secolo sia l’albero sia il suo miracoloso estratto vennero conosciuti in Europa grazie all’esploratore Mungo Park (al quale fu dedicato il nome con il quale l’albero di Vitellaria è conosciuto in Europa: #Butyrospermumparkii).

Il burro di #karité è un preziosissimo alleato per la pelle e i capelli, contiene tante vitamine anti-invecchiamento (vit. A, E, B ed F) ed altri elementi che ne fanno un grasso vegetale d’elezione.


VITAMINE

Le #vitaminaA ed #vitaminaE, presenti nel burro di karité, sono potenti antiossidanti, in grado di proteggere la pelle dall’azione dei radicali liberi (=Sono molecole che posseggono un elettrone spaiato sull'orbitale più esterno e questa configurazione elettronica le rende altamente instabili e particolarmente reattive. I radicali liberi reagiscono facilmente con una qualsiasi molecola si trovi in loro prossimità (carboidrati, lipidi, proteine, acidi nucleici), danneggiandola e spesso compromettendone la funzione. Inoltre, reagendo con altre molecole, hanno la capacità di autopropagarsi trasformando i loro bersagli in radicali liberi e scatenando così reazioni a catena che possono provocare estesi danni nella cellula. ). La vit. A è fondamentale per avere una pelle luminosa e sana. La vit. E (tocoferolo) è necessaria per l’elasticità ed idratazione cutanea, fornisce anche collagene che ostacola la comparsa delle rughe ed attenua quelle già esistenti; per questo i semi vengono chiamati “il frutto dell’albero della giovinezza”. La vit. F ha proprietà eudermiche essendo composta da acidi grassi polinsaturi come gli Omega 3 e Omega 6, protegge la pelle da dermatiti, la mantiene idratata e stimola la rigenerazione cellulare.


FRAZIONI INSAPONIFICABILI

Sono quella parte di grasso (olio o burro) che non si saponifica, cioè non diventa sapone. Più alta è la percentuale di questi elementi e migliori saranno gli effetti sulla pelle e sui capelli (l’olio d’oliva ne contiene l’1-2%, mentre il burro di karité circa il 17%). Svolgono un’azione protettiva dai raggi solari facendo da schermo per le radiazioni UVB (questi raggi agiscono superficialmente a livello dell’epidermide, danneggiano le cellule e provocando infiammazioni e scottature), stimolano la naturale produzione di #collagene ed #elastina, inoltre riparano la pelle dai danni causati da agenti atmosferici come vento, freddo o da agenti chimici.


A presto con la seconda parte per scoprire tutti gli usi, le applicazioni ed i benefici del burro di Karité.


...TO BE CONTINUED

28 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti